Comune di Malborghetto - Valbruna

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




P.A. digitale: la posta elettronica nel Comune di Malborghetto-Valbruna

La posta elettronica certificata (PEC), recentemente attivata presso gli uffici del Comune di Malborghetto-Valbruna con l’istituzione dell’account di posta comune.malborghettovalbruna@certgov.fvg.it, è un sistema di "trasporto" di documenti informatici che presenta forti similitudini con il servizio di posta elettronica tradizionale, con funzionalità aggiuntive tali da fornire la certezza legale dell'invio e della consegna dei messaggi, in modo tale da equipararli, nella corrispondenza tra utenti certificati, alle raccomandate A/R.

L’introduzione della PEC ottempera alle indicazioni del D. Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'Amministrazione Digitale), nonché alle recenti norme emanate dal Ministro Brunetta (L. 28 gennaio 2009, n. 2 - Conversione in Legge, con modificazioni, del Decreto - Legge 29 novembre 2008, n. 185), in materia di comunicazioni istituzionali tra pubbliche amministrazioni attraverso l'utilizzo della posta elettronica. 

I servizi offerti dalla PEC

Cos'è:

L'articolo 6 del 'Codice dell'Amministrazione Digitale recita:

  1. Le pubbliche amministrazioni centrali utilizzano la posta elettronica certificata, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, per ogni scambio di documenti e informazioni con i soggetti interessati che ne fanno richiesta e che hanno preventivamente dichiarato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata.
  2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche alle pubbliche amministrazioni regionali e locali salvo che non sia diversamente stabilito.

L'art 48 specifica:

  • La trasmissione telematica di comunicazioni che necessitano di una ricevuta di invio e di una ricevuta di consegna avviene mediante la posta elettronica certificata ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68.

Il Comma 2 dello stesso articolo stabilisce inoltre che:

"la trasmissione del documento informatico per via telematica, effettuata mediante la posta elettronica certificata, equivale, nei casi consentiti dalla legge, alla notificazione per mezzo della posta".

Di fatto la trasmissione tramite mail di un documento, firmato digitalmente, è equivalente alla spedizione mediante servizio postale di un documento cartaceo con firma autografa, inoltre se la trasmissione avviene tra due caselle di Posta Elettronica Certificata la norma assegna alla trasmissione il valore della raccomandata con ricevuta di ritorno.

Benefici

  • ottimizzazione e velocizzazione delle comunicazioni interne all'ente e con altri enti/realtà del territorio;
  • eliminazione della carta;
  • facilitazione nell'erogazione di servizi al cittadino;
  • semplificazione ed economicità di trasmissione, archiviazione e ricerca;
  • realizzazione del sistema (elettronico) di gestione flussi documentali;
  • possibilità di ricercare e recuperare il documento in qualsiasi momento, poiché viene conservato nel protocollo centralizzato delle AOO (Direzioni centrali/Enti/Agenzie regionali).
  • possibilità di ricercare e recuperare ricevute (conservate dal sistema) che costituiscono prova legale dell'avvenuta spedizione di un messaggio e di eventuale documentazione allegata

fonte: www.regione.fvg.it