Il Museo della Foresta di Bagni di Lusnizza

FORESTA DI TARVISIO

Ministero dell'Agricoltura - Gestione ex A.S.F.D.
Ministero dell'Interno - F.E.C.
Ufficio Amministrazione di Tarvisio, Via Romana, 35 - 33018 (UD)
Tel. 0428-2786 oppure 2787 oppure 416007 - Fax 0428-416000

Il Museo nasce nel 1988 dalla fruttuosa collaborazione tra la Società Autostrade (ente proprietario) e il Corpo Forestale dello Stato (Ente gestore). E' ubicato lungo la carreggiata nord dell'Autostrada "Alpe Adria" A23 Udine-Tarvisio, poco dopo l'area di servizio "Fella Est" in località Bagni di Lusnizza. Esso è raggiungibile anche dalla S.S. 13 "Pontebbana", sempre all'altezza dell'abitato di Bagni di Lusnizza (indicazioni sul posto). Il Museo si configura come un "parcheggio ecologico", che vuole favorire un primo e corretto approccio alla Foresta da parte degli automobilisti in transito. L'inserimento architettonico della struttura è in piena sintonia con l'ambiente forestale circostante, grazie all'adozione di tipologie costruttive e materiali appartenenti alla cultura edilizia valcanalese. Questa ultima viene richiamata dal pietrame a vista, dai manti di copertura a scandole lignee, dalle pendenze delle falde dei tetti, dalla morfologia dei portici che ricordano gli antichi asciugatoi per il fieno. L'area offre diverse possibilità culturali e si articola in tre iniziative.
* Centro didattico: all'interno del museo la mostra permanente è dedicata all'aspetto ecologico-forestale ed è supportata da foto, plastici e diorami; inoltre al piano superiore - nella piccola sala proiezioni - è possibile visionare diapositive sulla Foresta di Tarvisio.
* Giardino botanico: all'esterno dell'edificio, con la ricostruzione degli ambienti forestali della zona, il visitatore potrà immergersi - compiendo una passeggiata di soli 500 metri - nella vegetazione tipica disposta secondo una successione altimetrica: prateria umida, faggeta, bosco misto faggio-abete, peccata, lariceto, mughetto, prateria alpina, roccia. Le centinaia di specie arboree, arbustive ed erbacee messe a dimora sono identificate con appositi cartellini.
* Sentieri natura: con partenza dal Museo permettono di frequentare l'ambiente circostante della foresta, attraverso una serie di percorsi naturalistici attrezzati che si sviluppano fino alle sorgenti solforose di Bagni di Lusnizza.
L'area ecologica del Museo della Foresta si presta bene quindi ad una fugace fermata dotata com'è di ampi parcheggi, servizi, aree pic-nic e punto informazioni a cura del Corpo Forestale dello Stato. Soprattutto il suo carattere didattico, infine, è ideale per arricchire culturalmente giovani e adulti che, previa prenotazione, volessero visitare l'area in comitiva. Dopo un primo approccio al Museo di Bagni di Lusnizza si può facilmente "sperimentare dal vivo" quali positive sensazioni può suscitare una visita alle località limitrofe. La Valsaisera, sopra l'abitato di Valbruna fino alle pendici settentrionali Montasio. Una vallata ricca di sentieri e nella quale sono ubicati diversi rifugi alpini e bivacchi. Le vallate agresti alle spalle dell'abitato di Ugovizza dove ancora oggi è praticata la transumanza estiva del bestiame all'alpeggio che fa soggiornare i valligiani in tipiche baite e stavoli in quota. I laghi di origine glaciale di Cave del Predil (in paese c'è anche il Museo della Tradizione Mineraria) e di Fusine dalle acque cristalline ove si specchiano imponenti le cime della catena del Mangart. La cima del monte Lussari, raggiungibile a piedi o in telecabina, sede di un santuario mariano, secolare meta di pellegrini delle tre etnie germanica, slava e latina. L'antico borgo di Malborghetto, sede del Museo Etnografico della Valcanale presso il Palazzo Veneziano.


MUSEO DELLA FORESTA
Autostrada "Alpe Adria" A23
Corpo Forestale dello Stato
Località Bagni di Lusnizza
Comune di Malborghetto-Valbruna
Tel. 0428-60415

Orario:
Da lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle 14.00